Cos’è il Biofrequency Angel Energy Infinity?

Cos'è il Biofrequency Angel Energy Infinity

Cos’è il Biofrequency Angel Energy Infinity?

Il Biofrequency Angel Energy Infinity, e’ un biodispositivo, nato dalla ricerca sulle onde gravitazionali terrestri (campo magnetico) e della sua iterazione con persone, animali, piante.
Grazie a queste ricerche, nel 2011 è nato il primo biodispositivo.
Oggi la sua evoluzione consente a chiunque un alta qualità di costruzione, di efficienza, e di garanzia, oltre a dei risultati eccezionali.

Come Funziona il Biofrequency?

Agendo sulle energie che sono presenti sul suolo terrestre, crea un’armonizzazione (delle stesse), ed una energizzazione molto potente. Consente quindi una emissione costante, ed un flusso energetico che armonizza immediatamente tutti gli ambienti ove viene posizionato.
L’erogazione dell’energia si svolge in modo sferico, tocca tutto, gli ambienti, le persone, le piante, ma specialmente l’acqua. Il primo effetto visibile, è la trasformazione della qualità dell’acqua. Il calcare disciolto nell’acqua si modifica istantaneamente, trasformandosi in aragonite, una micro – molecola …. infinitesimale al confronto del calcare.
Ciò evita immediatamente la formazione di incrostazioni.. e nel tempo l’eliminazione (o comunque riduzione) di quello già esistente. Ciò comporta grandi risparmi economici, sia di gestione (impianti idrici, tubazioni, costi di manutenzione, addolcitori, ecc) sia per la riduzione di detergenti, anticalcare ecc.
Contemporaneamente il ph si alza sino a 8/9 e più, consentendo un ambiente veramente Antibatterico, un ph Alcalino molto importante per la qualità di vita di noi tutti. Il secondo effetto che si avverte subito è l’armonizzazione degli ambienti,in quanto l’energia profusa trasmette un senso di serenità, calma, pace …. eliminando forme di stress legate a stati di tensione e/o paura.
Questi effetti benefici sono stati trasmessi direttamente dagli utilizzatori del Biofrequency , sia in ambienti domestici ( con notevoli migliorie sulla qualità del sonno), che in ambienti professionali e lavorativi, con miglioramenti relazionali ove vi fossero discordie tra il personale, ed in studi medici migliorando lo stato di tensione del paziente durante l’attesa. Le energie emesse infatti si sintonizzano sulle frequenze alfa e theta, creando un ambiente sereno e senza stress.

La tecnologia del BIOFREQUENCY

la sua tecnologia deriva dalle conoscenze di Tesla (grande scienziato dell’inizio del secolo) e di Fritz Albert Popp, il padre della nuova scienza e lo scopritore dei bio-fotoni (Era il 1976). Pertanto il Biofrequency Angel Energy, emette bio-fotoni a frequenze idonee alla vita ed al recupero dell’energia delle cellule.

  • Cos’è Infinity Angel Energy 2014?

Non si congestiona. (non si carica di energie congeste, e non si scarica mai)
MANTIENE LE INFORMAZIONI ILLIMITATAMENTE NEL TEMPO.
Non ha parti in attrito, ne schede elettroniche, ne parti elettriche, condensatori, relays, ecc
La garanzia di 30gg. soddisfatti o rimborsati, e’ fornita unicamente per la verifica di funzionamento.
Testato il suo corretto funzionamento, funziona per sempre.
La garanzia legale è di 2 anni, ma garantiamo una durata a vita.
Come e’ fatto e che funzioni svolge l’Infinity Angel Energy 2014

la sua struttura esterna in “legno” (ed i suoi piedini in gomma), consentono un impatto piacevole, un facile posizionamento, ed una resistenza notevole ad ambienti anche molto umidi. Non ha bisogno di installazione (non servono lavori di idraulica e/o muratura. Non deve essere collegato alle tubature idriche. in caso di trasloco, lo portiamo con noi con facilità.

Il Calcare Presente Nell’Acqua di Rubinetto è un Rischio per la Salute?

Il calcare presente nell’acqua di rubinetto è un rischio per la salute?
Tutti sappiamo (per sentito dire…..) che il calcare fa male, fa venire i calcoli ecc ecc, ecco quindi che l acqua minerale in bottiglia pare essere l’unica soluzione, anche io me ne stavo convincendo… ma ad un certo punto mi sono chiesto: chi l’ha detto?
Ho cercato quindi le fonti, e non le solite notizie riportate per sentito dire.
Ecco cosa ho scoperto:

Nel periodico StarMEGLIO n 71 (rivista della Azienda USL di Bologna) ho trovato un interessante articolo che riporto in sintesi.
“Le acque dure svolgono un azione protettiva nei riguardi delle malattie cardiovascolari, in quanto il calcio riduce l’assorbimento dei grassi a livello intestinale e il magnesio ha un effetto dilatatore sulle arterie.

Sono, invece, da evitare le acque addolcite, in quanto presentano un elevato tenore di sodio che è un fattore di rischio per l ipertensione.
Inoltre, le acque molli hanno un azione aggressiva e possono solubilizzare alcuni metalli pesanti, tossici e cancerogeni (quali piombo, cromo ed arsenico), presenti nel materiale delle tubature dell acqua.

Pertanto, sono da preferire le acque dure che (come dimostrato in molti studi epidemiologici) non hanno effetti negativi sulla salute dell uomo (a meno che non siano presenti particolari patologie come una rilevante calcolosi renale), ma comportano solo inconvenienti pratici (deposito di calcare nelle tubazioni e negli elettrodomestici, cattiva cottura dei legumi, maggior consumo di detersivi, ecc.).
Al riguardo, si possono trovare informazioni sul sito dell’Istituto Superiore di Sanità o su altri siti di rilevanza scientifica che si interessano dell’igiene delle acque.”
Se quanto letto su non vi basta, riporto uno stralcio di un approfondimento fatto da ErmesConsumer sull acqua di rubinetto che potete leggere integralmente qui .

Molti consumatori sono convinti che un acqua poco calcarea sia da preferire dal punto di vista delle proprietà salutari.

In realtà la presenza di una giusta quantità di ioni di calcio e magnesio – che possono provocare incrostazioni e danni a lavatrici, lavastoviglie e ad altri elettrodomestici di uso quotidiano – non è affatto dannosa per l’organismo umano.
A spiegarlo è il dottor Bruno Seriolo, responsabile del Centro Osteoporosi dell’ Università di Genova:

“Un giusto apporto di calcio è indispensabile per prevenire alcune malattie a carico delle ossa: tra queste l osteoporosi, che rende lo scheletro soggetto a un maggiore rischio di fratture. Non solo. Il calcio sembra addirittura svolgere un azione protettiva contro l’ insorgenza di alcuni tipi di tumori”.

“Allo stesso modo – prosegue Seriolo – anche il magnesio è un minerale che riveste una grande importanza per la salute dell uomo, in quanto responsabile di molti processi metabolici essenziali.
Al contrario, un eccessivo addolcimento dell acqua comporta un innalzamento dei valori di sodio, che a lungo andare possono causare problemi di ipertensione o provocare malattie a carico del cuore”.

Ma un acqua eccessivamente “dura” può essere sconsigliata a chi soffre di calcoli renali?

“Anche in questo caso – spiega Seriolo – si tratta di un timore infondato.
Recenti studi hanno infatti dimostrato che un acqua minerale ricca di calcio, può addirittura aiutare a prevenire la formazione di calcoli renali”.

Sono in realtà le TROPPE proteine animali e bere poca acqua che alimentano la loro formazione.

Riflettiamoci.

Ecc che il Biofrequency, non togliendo il calcio, ma anzi, rendendolo facilmente assorbibile, ci aiuta nella nostra qualità di vita migliore.

Come funziona il corpo umano

COME FUNZIONA il CORPO UMANO
Tratto da mednat.org

E’ INDISPENSABILE per stare sempre BENE e’ l’assunzione quotidiana di acqua
Basica a pH min. di 7,35 > 11
(almeno 1,5 lt)
Per comprendere l’approccio scientifico che non permette la formazione del Cancro e delle altre “malattie”,
vogliamo spiegare brevemente come gli scienziati descrivono il funzionamento del corpo umano.
I fluidi esterni alla cellula dovrebbero avere idealmente un pH di 7,35 e non essere in ACIDOSI – vedi Bio Elettronica
Il pH è una misura dell’acidità di un liquido. I valori vanno da 0 a 14, con i numeri sotto il 7 indicanti una condizione acida, mentre quelli al di sopra del valore 7 rappresentano una condizione alcalina, od ossigenata.

Quando il fluido scorre all’interno della cellula, la sua “carica” energetica è rimossa, fuoriuscendone con un pH di 6,8. L’azione dei fluidi che entrano ed escono dalla cellula crea una carica elettrica di 70 millivolt.
Se il corpo (soggetto) non riesce a creare e mantenere questa carica elettrica, esso tende ad ammalarsi ed a morire; la vecchiaia rappresenta un lento ed inesorabile alterazione di questi valori. E’ quindi essenziale, per la vitalità ottimale del corpo, che i nutrienti siano convertiti in elettricità, la quale permette il moto.
Per esempio, senza questa carica il cervello non potrebbe comunicare con gli altri organi.

La carica elettrica è generata da un meccanismo che si basa sulla presenza nel corpo di alcuni nutrimenti; se questi sono assenti, il corpo li prende dalle sue riserve. A causa di questa assenza, il livello alcalino si abbassa, (cioè la presenza di ossigeno diminuisce) ed il corpo si espone alle molte malattie, inclusi i vari tipi di cancro, aids ecc.

Oltre 75 anni fa furono assegnati al medico Otto Warburg due premi Nobel per le sue teorie che indicavano che il cancro fosse causato da un indebolimento del “respiro” delle cellula (il flusso del fluido intercellulare menzionato sopra = nutrizione – eliminazione), che procurava una mancanza di ossigeno nella cellula.
Secondo Warburg, la respirazione compromessa è causa di fermentazione, col risultato di un abbassamento del pH (un aumento della sua acidità) a livello cellulare.
Quando l’ambiente cellulare è così modificato, la cellula non è anche più in grado di convertire il glucosio in energia.

Il medico aveva dimostrato come il cancro prospera in condizioni anaerobiche (in mancanza d’ossigeno), cioè acidiche, cio’ vuol dire che il Terreno – i liquidi del corpo, la Matrice e’ acida.
Ricerche successive, fatte dai medici Keith Brewer e H. Satori hanno mostrato che, aumentando il pH (il contenuto dell’ossigeno) nella cellula a pH 8.0, si crea un ambiente ostile al cancro.

Ricordiamo anche che le alterazioni degli enzimi, della flora, del pH digestivo e della mucosa intestinale influenzano la salute, non soltanto a livello intestinale, ma anche a distanza in qualsiasi parte dell’organismo.
vedi: Intestino motore del corpo

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

The High pH Therapy for Cancer
Tests on Mice and Humans – A. KEITH BREWER, Ph.D.
A.. Keith Brewer Science Library, 325 N. Central Ave., Richland Center, WI 53581
BREWER, A. K. The high pH therapy for cancer tests on mice and humans.
PHARMACOL BIOCHEM BEHAV 21: Suppl. 1, 1-5. 1984.—
Mass spectrographic and isotope studies have shown that potassium, rubidium, and especially cesium are most efficiently taken up by cancer cells. This uptake was enhanced by Vitamins A and C as well as salts of zinc and selenium. The quantity of cesium taken up was sufficient to raise the cell to the 8 pH range. Where cell mitosis ceases and the life of the cell is short. Tests on mice fed cesium and rubidium showed marked shrinkage in the tumor masses within 2 weeks.
In addition, the mice showed none of the side effects of cancer. Tests have been carried out on over 30 humans.
In each case the tumor masses disappeared.
Also all pains and effects associated with cancer disappeared within 12 to 36 hr; the more chemotherapy and morphine the patient had taken, the longer the withdrawal period. Studies of the food intake in areas where the incidences of cancer are very low showed that it met the requirements for the high pH therapy.

Articoli che documentano l’acidosi che caratterizza i tessuti tumorali

I Gliomi maligni esibiscono un’alterata regolazione dei pH, in confronto agli astrociti non trasformati
Malignant Gliomas display altered pH regu1ation byè NHE1 compared with non transformed astrocytes
Lee Anne McLean, Jane Roscoe, Nanna K. Jorgensen, Frederic A. Gorin, and Peter M. Cala – Departments of Human pHysiology and Neurology, School of Medicine, University of California, Davis, California 95616
Am J pHysiol Cell pHysiol 278: C676-C688, 2000.
I gliomi maligni esibiscono un’alterata regolazione del pH, in confronto agli astrociti non trasformati. I gliomi maligni esibiscono pH intracellulare (pHi) alcalino e il pH extracellulare (pHe) acido in confronto ad astrocití normali, malgrado l’aumento di produzione di H+.
Il pHe riduce la disponibilità dello ione bicarbonato HC03-, perciò riducendo la concentrazione dipendente, sia passiva che dinamica.
Questo implica che i gliomi sono dipendenti dalla concentrazione dinamica dello ione HC03- di bicarbonato, e indipendente dallo H+, come il tipo HC034H+ exchanger (NHE1).
In questo studio 4 gliomi a rapida proliferazione hanno esibito stabile e significativa alcalinità intracelluiare, superiore rispetto agli astrociti normali e un maggior riequilibrio dell’acidosi, dopo somministrazione di C021-1-1C03.
L’inibizione di NHE1 in assenza di C021HCO3 fu il risultato di un’alta acidificazione dei gliomi, laddove i normali astrociti non ne risentirono..
Quando veniva sospeso il C021-HCO3, il pHi degli astrociti aumentava, e ancora il pHi dei gliomi inaspettatamente diveniva acido; questo suggeriva un meccanismo di acidificazione dipendente dallo ione bicarbonato -HC03.
Le sequenze nucleotidiche dei DNA dei gliomi, dimostrarono che alterazioni genetiche non erano responsabili della funzione dell’NHE1.
Questi dati suggeriscono che l’attività dell’NHE1 è significativamente alterata nei gliomi e può essere utilizzata come bersaglio per lo sviluppo di terapie specifiche tumorali.

Cause e conseguenze dell’acidità nei tumori e implicazioni terapeutiche
Causes and consequences of tumour acidity and implications for treatment
Marion Stubbs, Paul M.I. McSheehy,Jhon R. Griffiths and C. Lindsay Bashford – Molecular Medicine: Today, January 2000 (vol.6)
Le cellule tumorali hanno un pH extracellulare (pHe) più basso delle cellule normali; questa è una caratteristica intrinseca dei genotipo tumorale, causata da alterazioni dovute sia al rilascio di acidi dalle cellule tumorali. sia all’assorbimento dell’acidosi extracellulare.
Un basso pH favorisce le cellule tumorali perché promuove l’invasività, laddove un alto pH extracellulare conferisce loro un vantaggio sulle cellule normali, riguardo alla crescita.
Gli approcci genetico molecolari hanno rivelato che l’ipossia indotta influenza la regolazione della glicolisi, un meccanismo potenziale importante per stabilire il fenotipo metabolico tumorale.
La comprensione dell’acidità dei tumore apre nuove opportunità terapeutiche.

Cause e conseguenze dell’ipossia e dell’acidità nei tumori
Causes and consequences of hypoxia and acidity in turnors – Novartis Foundatíon symposium
Robert J. Gillies – Arizone Cancer Center, University of Arizona, Tucson, Arizona, Usa – Molecular Medicine Vol.7 N° 2 February 2001
Sia l’ipossia che l’acidità perpetuano un fenotipo tumorale più aggressivo.
Ipossia e acidosi inducono instabilità genetica. Ipossia e acidità inducono un fenotipo più metastatico e questo verosimilmente implica l’alterazione di una proteasi (catepsina) e una selezione metabolica. anche evidente tale che le cellule metastatiche producono tumori che sono più ipossici e con iperacidosi extracellulare. L’ipossia conferisce radio resistenza; il gradiente acido extracellulare può conferire chemio resistenza. La dinamica delle vescicole acide intracellulari è implicata sia nella chemio resistenza fisiologica che biochimica.
Cause e conseguenze dell’ipossia e dell’acidosi nel microambiente dei tumori
Causes and consequences of hypoxia and acidity in tumour rnicroenvironments
J.R. Griffiths – Glia 1994 Nov:12(3):196-210
1a riga: La prima e più importante scoperta nella fisiologia e biochimica dei tumore, fu l’anormale quantità di acido prodotta. Anche in presenza di ossigeno, l cancri solidi ottengono energia preferibilmente convertendo glucosio in acido lattico. Pagina 296, 17a riga: Il trattamento dei tumori con bicarbonato di sodio, può eliminare il gradiente di pH intra ed extracellulare e amplificare la risposta ai chemioterapici debolmente basici tipo mitoxantrone. L’acidità tumorale è anche implicata nella chemio resistenza.
Ultimo capoverso: Le origini dell’acidosi tumorale si stanno chiarificando negli ultimi anni, e questo in una prospettiva terapeutica anticancro.

pH acido nei tumori, presupposto per nuove linee terapeutiche
Acid pH in tumors and its potential for therapeutic exploitation. Tannock IF, Rotin D. – Department of Medicine, Ontario Cancer Institute, Toronto, Canada. – Cancer Res 1989 Aug 15;49(16):4373-84 Related Articles, Books, LinkOut
La misurazione del pH nei tessuti ha evidenziato che il micro-ambiente è più acido nei tumori che nei tessuti normali; la produzione di acido lattico e l’idrolisi di ATIP nelle regioni ipossiche, rientrano probabilmente in questo meccanismo di iperacidità, insieme ad altri pattern metabolici.
Il pH acido allora, può influenzare lo sviluppo di nuove e relativamente specifiche terapie anticancro, mirate a regolare il pH intracellulare.
Potenziamento della terapia agendo sul pH del tumore
Enhancement of chemotherapy by manipulation of tumour pH.
Raghunand N, He X, van Sluis R, Mahoney B, Baggett B, Taylor CW, Paine-Murrieta G, Roe D, Bhujwalla ZM, Gillies RJ. – Arizona Cancer Center, Tucson 85724-5024, USA. – Br J Cancer 1999 Jun;80(7):1005-11 Related Articles, Books, Link Out
Il pH dei tumori solidi è significativamente più acido dei tessuti normali.
Un basso pH in vitro riduce la citotossicità dei chemioterapici debolmente basici., contribuendo ad una resistenza.
Il bicarbonato di sodio, si riporta nel lavoro, amplifica significativamente l’effetto della doxorubicina.
Questo lavoro rappresenta la dimostrazione in vivo (in pazienti neoplastici), della resistenza, già ben documentata in vitro e in via teorica, verso i chemioterapici debolmente basici.
Dynamics of bioelectric activity of the brain and erythrocyte ultrastructure after intravenous infusion of sodium bicarbonate to oncologic patients. – Davydova IG, Kassil’ VL, Raikhlin NT, Filippova NA. – Biull Eksp Biol Med 1992 Apr;113(4):352-5 Related Articles, Books, Link Out
Lo studio indica che le cellule di criceto possiedono attività regolatorie intracellulari, e che l’acidificazione cellulare gioca un ruolo nell’aumento di frequenza delle trasformazioni osservate nelle cellule coltivate in condizioni di acidità.
L’acidosi può essere evitata o ridotta artificialmente attraverso l’alcalinizzazione del sangue.
Effetto dell’alcalosi artificiale nell’attività dei cervello e nelle cellule dei sangue in pazienti oncologici
Characteristics of the effects of artificial alkalosis on electrical activity of the brain and ultrastructure of blood cells in oncologic patients. – Davydova IG, Kassil’ VL, Filippova NA, Barinov MV. – Vestn Ross Akad Med Nauk 1995;(4):24-5 Related Articles, Books, Link Out
Vengono studiati 40 pazienti oncologici, di differenti istotipi, sedi e dimensioni.
Il lavoro evidenzia che i pazienti hanno un’acidosi intracellulare generalizzata, che può essere diminuita con l’alcalinizzazione del plasma, con il risultato di ridurre le degenerazioni cellulari.

Diminuzione dei volume in presenza dello ione -HC03 in cellule di osteosarcoma
Regulatory volume decrease in the presence of HCO3- by single osteosarcoma cells UMR-106-01.
Star RA, Zhang BX, Loessberg PA, Muallem S. – Department of Medicine, University of Texas Southwestern Medical Center, Dallas 75235-9040. – J Biol Chem 1992 Sep 5;267(25):17665-9 Related Articles, Books, Link Out
Si registra simultaneamente la variazione di volume e di pH intracellulare, per studiare il ruolo di HC03- nella diminuzione dei volume cellulare.
L’aumento di pH intracellulare – risulta – coincide con una diminuzione del volume cellulare.
Appare evidente, in questo modo, il coinvolgimento dei Na+(HC03-) nella regolazione del volume cellulare.
L’acidificazione intracellulare è associata ad un aumento di trasformazioni morfologiche nelle cellule embrionali di criceto siriano
Intracellular acidification is associated with enhanced morpHological transformation in Syrian hamster embryo cells.
LeBoeuf RA, Lin PY, Kerckaert G, Gruenstein E. – Procter and Gamble Co., Miami Valley Laboratories, Cincinnati, Ohio 45239-8707. – Cancer Res 1992 Jan 1;52(1):144-8 Related Articles, Books
Lo studio indica che le cellule di criceto possiedono attività regolatorie intracellulari, e che l’acidificazione cellulare gioca un ruolo nell’aumento di frequenza delle trasformazioni osservate nelle cellule coltivate in condizioni di acidità.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

1. Chetoacidosi diabetica grave Gamba G “Bicarbonate therapy in severe diabetic ketoacidosis.
A double blind, randomized, placebo controlled trial.” (Rev Invest Clin 1991 Jul-Sep;43(3):234-8).
2. Miyares Gomez A. in “Diabetic ketoacidosis in childhood: the first day of treatment
(An Esp Pediatr 1989 Apr;30(4):279-83).

3. Rianimazione cardiorespiratoria Levy MM “An evidence-based evaluation of the use of sodium bicarbonate during cardiopulmonary resuscitation” (Crit Care Clin 1998 Jul;14(3):457-83).

Vukmir RB Sodium bicarbonate in cardiac arrest: a reappraisal (Am J Emerg Med 1996 Mar;14(2):192-206).

4. Bar-JosepH G. “Clinical use of sodium bicarbonate during cardiopulmonary resuscitation–is it used sensibly?” (Resuscitation 2002 Jul;54(1):47-55).

5. Gravidanza Zhang L, “Perhydrit and sodium bicarbonate improve maternal gases and acid-base status during the second stage of labor” Department of Obstetrics and Gynecology, Xiangya Hospital, Hunan Medical University, Changsha 410008

6. Encefalomiopatia mitocondriale Maeda Y. “Perioperative administration of bicarbonated solution to a patient with mitochondrial encepHalomyopathy” (Masui 2001 Mar;50(3):299-303).

7. Emodialisi Avdic E. “Bicarbonate versus acetate hemodialysis: effects on the acid-base status” (Med Arh 2001;55(4):231-3).

8. Dialisi peritoneale Feriani M “Randomized long-term evaluation of bicarbonate-buffered CAPD solution.” (Kidney Int 1998 Nov;54(5):1731-8).

9. Tossicosi farmacologica Vrijlandt PJ “Sodium bicarbonate infusion for intoxication with tricyclic antidepressives: recommended inspite of lack of scient(ific evidence” Ned Tijdschr Geneeskd 2001 Sep 1;145(35):1686-9)

10. Knudsen K, “EpinepHrine and sodium bicarbonate independently and additively increase survival in experimental amitriptyline poisoning.” (Crit Care Med 1997 Apr;25(4):669-74).

11. Epatopatia Silomon M “Effect of sodium bicarbonate infusion on hepatocyte Ca2+ overload during resuscitation from hemorrhagic shock.” (Resuscitation 1998 Apr;37(1):27-32).

Mariano F. “Insufficient correction of blood bicarbonate levels in biguanide lactic acidosis treated with CVVH and bicarbonate replacement fluids” (Minerva Urol Nefrol 1997 Sep;49(3):133-6).

12. Interventi di chirurgia vascolare Dement’eva II “Calculation of the dose of sodium bicarbonate in the treatment of metabolic acidosis in surgery with and deep hypothermic circulatory arrest” (Anesteziol Reanimatol 1997 Sep-Oct;(5):42-4).

Altra Bibliografia – References
1 – Arieff, Allen I., and DeFronzo, Ralph, A., (Editors) Fluid, Electrolyte and Acid-Base Disorders, Churchill Livingstone, New York, NY, 1995.
2 – Brecher Harold, and Brecher, Arline, Forty Something, A Consumer’s Guide to Chelation Therapy and Other Heart Savers, Sixteenth Edition, Healthsavers Press, Herndon, Virginia, 1996.
3 – Cranton, Elmer, Bypassing Bypass, The New Technique of Chelation Therapy, Medex Publishers, Second edition, Trout Dale VA, March 1996.
4 – Cohen, R.D., The Liver and Acid-Base Regulation, in Arieff, Allen I., and DeFronzo, Ralph, A., (Editors) Fluid, Electrolyte and Acid-Base Disorders, Churchill Livingstone, New York, NY, 1995.
5 – Ensminger, Audrey H., Ensminger, M. E., Konlande, James E., Robson, John R.K., The Concise Encyclopedia of Foods & Nutrition, CRC Press, Boca Raton, FL, 1995.
6 – Feldman, Elaine B., Nutrition and Diet in the Management of Hyperlipidemia and Atherosclerosis, in Modern Nutrition in Health and Disease, Volume 2, Lea & Febiger, Philadelphia, PA, 1994.
7 – Fouque, Denis, and Kopple, Joel D., Total Parenteral Nutrition and Its Complications, in Arieff, Allen I., and DeFronzo, Ralph, A., (Editors) Fluid, Electrolyte and Acid-Base Disorders, Churchill Livingstone, New York, NY, 1995.
8 – Gamble, James L., Jr., Acid-Base Physiology: A Direct Approach, The Johns Hopkins U. Press, Baltimore, MD., 1982.
9 – Greger, R., and Windhorst, U., (Editors), Comprehensive Human Physiology, Volume 1 & 2, Springer Publishing, New York and Heidleberg, 1996.
10 – Guton, Arthur C., and Hall, John, E., Textbook of Medical Physiology, Ninth Edition, W.B Sanders Company, Philadelphia, PA., 1996.
11 – Halperin, Mitchell, L., Goguen, Jeannette M., Cheema-Dhadli, Surinder, and Kamel, Kamel S., Diabetic Emergencies, in Arieff, Allen I., and DeFronzo, Ralph, A., (Editors) Fluid, Electrolyte and Acid-Base Disorders, Churchill Livingstone, New York, NY, 1995.
12 – Heart and Stroke Facts: 1996 Statistical Supplement, American Heart Association, Washington, DC, 1996.
13 – Holtz, J., Peripheral Circulation: Fundamental Concepts, Comparative Aspects of Control in Specific Vascular Sections, and Lymph Flow, in Greger, R., and Windhorst, U., (Editors), Comprehensive Human Physiology, Volume 1 & 2, Springer Publishing, New York and Heidleberg, 1996.
14 – Krall, Elizabeth, A., and Dawson-Huges, Bess, Osteoporosis, in Modern Nutrition in Health and Disease, Volumes 2, Lea & Febiger, Philadelphia, PA, 1994.
15 – Kandel, Eric R., Schwartz, James H., and Jessell, Thomas M. (eds.), Principles of Neural Science, Third Edition, Appleton & Lange, Norwalk Connecticut, 1991.
16 – Jänig, W., Regulation of the Lower Urinary Tract, in Greger, R., and Windhorst, U., (Editors), Comprehensive Human Physiology, Volume 1 & 2, Springer Publishing, New York and Heidleberg, 1996.
17 – Kannel, William B., D’Agostino, Ralph, B. and Cobb, Janet, L., Effect of Weight on Cardiovascular Disease, American Journal of Clinical Nutrition, Volume 63, March 1996.
18 – Kendrew, Sir John, (Editor in Chief), The Encyclopedia of Molecular Biology, Blackwell Science, NY and Oxford, 1994.
19 – Lang, F., Acid-Base Metabolism, in Greger, R., and Windhorst, U., (Editors), Comprehensive Human Physiology, Volume 1 & 2, Springer Publishing, New York and Heidleberg, 1996.
20 – The genomic analysis of response to lactic acidosis in human

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

ALTRA BIBLIOGRAFIA (English)
[1] Vestn Ross Akad Med Nauk 1995;(4):24-5
[Characteristics of the effects of artificial alkalosis on electrical activity of the brain and ultrastructure of blood cells in oncologic patients]. [Article in Russian] Davydova IG, Kassil’ VL, Filippova NA, Barinov MV.
The authors examined 40 patients with malignant tumors of various histogenesis, sites and extent, as well as 5 patients with benign tumors and other non-tumorous diseases. They also studied their electroencepHalograpHy and peripHeral blood lympHocytic and erythrocytic ultrastructure in metabolic alkalosis temporarily induced by intravenous sodium hydrogen carbonate. In cancer patients without late metastases, alkalosis caused a transient normalization of previously altered electroencepHalograpHy, erythrocyte disaggregation and substantially reduced the count of killer cells in small and middle lympHocytes.
These findings suggest that patients with malignant neoplasms have a generalized intracellular acidosis which can be temporarily abolished by plasma alkalinization.
PMID: 7780336

[2] Br J Cancer 1999 Jun;80(7):1005-11
Enhancement of chemotherapy by manipulation of tumour pH.
Raghunand N, He X, van Sluis R, Mahoney B, Baggett B, Taylor CW, Paine-Murrieta G, Roe D, Bhujwalla ZM, Gillies RJ. Arizona Cancer Center, Tucson 85724-5024, USA.
The extracellular (interstitial) pH (pHe) of solid tumours is significantly more acidic compared to normal tissues. In-vitro, low pH reduces the uptake of weakly basic chemotherapeutic drugs and, hence, reduces their cytotoxicity. This pHenomenon has been postulated to contribute to a ‘pHysiological’ resistance to weakly basic drugs in vivo. Doxorubicin is a weak base chemotherapeutic agent that is commonly used in combination chemotherapy to clinically treat breast cancers. This report demonstrates that MCF-7 human breast cancer cells in vitro are more susceptible to doxorubicin toxicity at pH 7.4, compared to pH 6.8. Furthermore 31P-magnetic resonance spectroscopy (MRS) has shown that the pHe of MCF-7 human breast cancer xenografts can be effectively and significantly raised with sodium bicarbonate in drinking water.
The bicarbonate-induced extracellular alkalinization leads to significant improvements in the therapeutic effectiveness of doxorubicin against MCF-7 xenografts in vivo.
Although pHysiological resistance to weakly basic chemotherapeutics is well-documented in vitro and in theory, these data represent the first in vivo demonstration of this important pHenomenon.
PMID: 10362108

[3] Med Hypotheses 1999 May;52(5):367-72
Carcinogenesis and the plasma membrane. Stern RG, Milestone BN, Gatenby RA.
Department of Veterans Affairs Medical Center, and University of Arizona College of Medicine, Tucson, 85723, USA.sternr@u.arizona.edu
Presented is a two-stage hypothesis of carcinogenesis based on: (1) plasma membrane defects that produce abnormal electron and proton efflux; and (2) electrical uncoupling of cells through loss of intercellular communication. These changes can be induced by a wide variety of stimuli including chemical carcinogens, oncoviruses, inherited and/or acquired genetic defects, and epigenetic abnormalities. The resulting loss of electron/proton homeostasis leads to decreased transmembrane potential, electrical microenvironment alterations, decreased extracellular pH, and increased intracellular pH. This produces a positive feedback loop to enhance and sustain the proton/electron efflux and loss of intercellular communication.
Low transmembrane potential is functionally related to rapid cell cycling, changes in membrane structure, and malignancy.
Intracellular alkalinization affects a variety of pH-sensitive systems including glycolysis, DNA synthesis, DNA transcription and DNA repair, and promotes genetic instability, accounting for the accumulation of genetic defects seen in malignancy. The abnormal microenvironment results in the selective survival and proliferation of malignant cells at the expense of contiguous normal cell populations.
PMID: 10416941

[4] FASEB J 2000 Nov;14(14):2185-97
Na+/H+ exchanger-dependent intracellular alkalinization is an early event in malignant transformation and plays an essential role in the development of subsequent transformation-associated pHenotypes.
Reshkin SJ, Bellizzi A, Caldeira S, Albarani V, Malanchi I, Poignee M, Alunni-Fabbroni M, Casavola V, Tommasino M. Department of General and Environmental pHysiology, University of Bari, Bari, Italy.
In this study we investigate the mechanism of intracellular pH change and its role in malignant transformation using the E7 oncogene of human papillomavirus type 16 (HPV16). Infecting NIH3T3 cells with recombinant retroviruses expressing the HPV16 E7 or a transformation deficient mutant we show that alkalinization is transformation specific. In NIH3T3 cells in which transformation can be turned on and followed by induction of the HPV16 E7 oncogene expression, we demonstrate that cytoplasmic alkalinization is an early event and was driven by stimulation of Na+/H+ exchanger activity via an increase in the affinity of the intracellular NHE-1 proton regulatory site.
Annulment of the E7-induced cytoplasmic alkalinization by specific inhibition of the NHE-1, acidification of culture medium, or clamping the pHi to nontransformed levels prevented the development of later transformed pHenotypes such as increased growth rate, serum-independent growth, anchorage-independent growth, and glycolytic metabolism. These findings were verified in human keratinocytes (HPKIA), the natural host of HPV.
Results from both NIH3T3 and HPKIA cells show that alkalinization acts on pathways that are independent of the E2F-mediated transcriptional activation of cell cycle regulator genes. Moreover, we show that the transformation-dependent increase in proliferation is independent of the concomitant stimulation of glycolysis. Finally, treatment of nude mice with the specific inhibitor of NHE-1, DMA, delayed the development of HPV16-keratinocyte tumors. Our data confirm that activation of the NHE-1 and resulting cellular alkalinization is a key mechanism in oncogenic transformation and is necessary for the development and maintenance of the transformed pHenotype.
PMID: 11053239

Studi relativi al potere antiacido del bicarbonato di sodio nei tumori:
Anne McLean, “Malignant gliomas display altered pH regu1ation byè NHE1 compared with non transformed astrocytes (Am J Physiol Cell Physiol 278: C676-C688, 2000).
Marion Stubbs, “Causes and consequences of tumour acidity and implications for treatment”, Molecular Medicine: Today, January 2000 (vol.6).
Robert J. Gillies, “Causes and consequences of hypoxia and acidity in turners – Novartis Foundatíon symposium”, Molecular Medicine Vol.7 N° 2 February 2001; “Causes and consequences of hypoxia and acìdity in tumour microenvironments”.
J.R. Griffiths, “Causes and consequences of hypoxia and acìdity in tumour microenvironments”, Glia 1994 Nov:12(3):196-210.
Tannock, I.F., “Acid pH in tumors and its potential for therapeutic exploitation”, Cancer Res 1989 Aug 15;49(16):4373-84.
Raghunand, N., “Enhancement of chemotherapy by manipulation of tumour pH”, Br J Cancer 1999 Jun;80(7):1005-11.
Davydova, I.G., “Dynamics of bioelectric activity of the brain and erythrocyte ultrastructure after intravenous infusion of sodium bicarbonate to oncologic patients.” Biull Eksp Biol Med 1992 Apr;113(4):352-5.
Davydova, I.G., “Characteristics of the effects of artificial alkalosis on electrical activity of the brain and ultrastructure of blood cells in oncologic patients”, Vestn Ross Akad Med Nauk 1995;(4):24-5.
Star, R.A., “Regulatory volume decrease in the presence of HCO3- by single osteosarcoma cells UMR-106-01”, J Biol Chem 1992 Sep 5;267(25):17665-9.
LeBoeuf, R.A., “Intracellular acidification is associated with enhanced morphological transformation in Syrian hamster embryo cells”, Cancer Res 1992 Jan 1;52(1):144-8.
Raghunand, N., “Acute metabolic alkalosis enhances response of C3H mouse mammary tumors to the weak base mitoxantrone.” Neoplasia. 2001 May-Jun;3(3):227-35.
Raghunand, N., “pH and chemotherapy pH and chemotherapy” Novartis Found Symp. 200 1;240:199-21 l; discussion 265 -8.
Raghunand, N., “Enhancement of chemotherapy by manipulation of tumour pH.” Br J Cancer. 1999 Jun;80(7):1005-1 I.
Raghunand, N., “Tumor acidity, ion trapping and chemotherapeutics. IL pll-dependent partition coefficients predict importance of ion trapping on pharmaeokinetics of weakly basic chemotherapeutie agents.” Bíochem Pharmacol. 2003 Oct 1;66(7):1219-29.”
Mahoney, B.P., “Tumor acidity, ion trapping and chemotherapeutics. I. Acid plì affects the distribution of ehemotherapeutic agents in vitro.” Biochem Phannacol. 2003 Oct 1;66(7):1207-18.
Schornack, P.A., “Contributions of cell metabolism and H+ diffusion to the acidic pH of tumors.” Neoplasia. 2003 Mar-Apr;5(2):135-45.
Giffles, R.J., “MRI of the tumor microenvironment.” J Magn Reson Imaging 2002 Dec; 16(6):75 l.
Torigoe, T., “Vacuolar H(+)-ATPase: funetional mechanisms and potential as a target for cancer chemotherapy.” Anticancer Drugs. 2002 Mar; 13 (3):23 7-43.
Griffiths, J.R., “Why are cancers acidic? A carrier-mediated diffusion model for H+ transport in the interstitial fluid.” Novartis Found Symp. 200 1;240:46-62; discussion 62-7, 152-3.
Webb, S.D., “Modelling tumour acidity and invasion.” Novartis Found Symp. 2001;240:169-8 l; discussion 181-5.
Gillies, R.J., “The tumour microenvironment: causes and consequences of hypoxia and acidity. Introduction.” Novartis Found Symp. 200 1;240:1-6.
Gillies, R.J., “Causes and consequences of hypoxia and acidity in tumors” Novartis Foundation symposium. Trends Mol Med. 2001 Feb;7(2):47-9.
Griffiths, JR. “Causes and consequences of hypoxia and acidity in tumour microenvironments. Bioessays. 2001 Mar;23(3):295-6.
Gillies, R.J., “Causes and effects of heterogeneous perfusion in tumors.” Neoplasia. 1999 Aug; 1 (3):197-207.
Stubbs, M., “Causes and consequences of tumour acidity and implications for treatment.” Mol Med Today. 2000 Jan;6(1):15-9Stubbs, M., “Causes and consequences of acidic ph in tumors: a magnetic resonance study.” Adv. Enzyme Regul. 1999;39;13-30.
Webb, S.D., “Mathematical modelling of tumour acidity: regulation of intracellular pH.” J Theor Biol. 1999 Jan 21; 196(2);237-50.
Yamagata, M., “The contribution of lactic acid to acidification of tumours: studies of variant cells lacking lactate dehydrogenase.” Br J Cancer. 1998 Jun;77(11):1726~3 I.
Martin, G.R., “Non invasive measurement of interstitial pH profiles in normal and neoplastie tissue using fluorescence ratio imaging microscopy.” Cancer Res. 1994 Nov 1;54(21):5670-4.
Boyer, M.J., “Regulation of intracellular pH in subpopulations of cefis derived from spheroids and solid tumours.” Br J Cancer. 1993 Nov;68(5):890-7.
Newell, K., “Studies with gIyeolysis-dericient celIs suggest that production of lactic acid is not the only cause of tumor acidity.”

Altra Bibliografia:

1 – Spinazze S, Schrijvers D. Metabolic emergencies. Crit Rev Oncol Hematol. 2006 Apr;58:79-89. Epub 2005 Dec 7 – Medline

2 – Flombaum CD. Metabolic emergencies in the cancer patient. Semin Oncol. 2000;27:322-334 – Medline

3 – Levy B . Lactate and shock state: the metabolic view. Curr Opin Crit Care. 2006;12:315-321 – Medline

4 – Sillos EM, Shenep JL, Burghen GA, Pui CH, Behm FG, Sandlund JT. Lactic acidosis: a metabolic complication of hematologic malignancies: case report and review of the literature. Cancer. 2001;92:2237-2246.

5 – Cheng JC, Esparza SD, Knez VM, Sakamoto KM, Moore TB. Severe lactic acidosis in a 14-year-old female with metastatic undifferentiated carcinoma of unknown primary. J Pediatr Hematol Oncol. 2004;26:780-782 – Medline

6 – Wall BM, Mansour N, Cooke CR. Acute fulminant lactic acidosis complicating metastatic cholangiocarcinoma. Am J Med Sci. 2000;319:126-129 – CrossRefMedline

7 – Fujimura M, Shirasaki H, Kasahara K, Matsuda T. Small cell lung cancer accompanied by lactic acidosis and syndrome of inappropriate secretion of antidiuretic hormone. Lung Cancer. 1998;22:251-254 – Medline

8 – Sheriff DS. Lactic acidosis and small cell carcinoma of the lung. Postgrad Med J. 1986;62:297-298. Abstract/FREE Full Text

9 – Muntz HG, Brown E. Lactic acidosis and hypoglycemia: a metabolic complication of advanced gynecologic malignancy. Int J Gynecol Cancer. 1992;2:163-167 – Medline

10 – Ustun C, Fall P, Szerlip HM et al. Multiple myeloma associated with lactic acidosis. Leuk Lymphoma. 2002;43:2395-2397 -Medline

11 – Kuba H, Inamura T, Ikezaki K, Kawashima M, Fukui M. Thiamine-deficient lactic acidosis with brain tumor treatment: report of three cases. J Neurosurg. 1998;89:1025-1028 – Medline

12 – Svahn J, Schiaffino MC, Caruso U, Calvillo M, Minniti G, Dufour C. Severe lactic acidosis due to thiamine deficiency in a patient with B-cell leukemia/lymphoma on total parenteral nutrition during high-dose methotrexate therapy. J Pediatr Hematol Oncol. 2003;25:965-968 – Medline

12 – Romanski SA, McMahon MM. Metabolic acidosis and thiamine deficiency. Mayo Clin Proc. 1999;74:259-263.
Abstract

13 – Fall PJ, Szerlip HM. Lactic acidosis: from sour milk to septic shock. J Intensive Care Med.
2005;20:255-271. – Abstract
14 – van der Beek A, de Meijer PH, Meinders AE. Lactic acidosis: pathophysiology, diagnosis and treatment. Neth J Med. 2001;58:128-136 – Medline
15 – Stacpoole PW. Lactic acidosis and other mitochondrial disorders. Metabolism. 1997;46:306-321. CrossRefMedline
Tratto da: http://www.mayoclinicproceedings.com/content/81/11/1506.1.full

Bibliografia e letture raccomandate: Continua su: Biblio 3 + Biblio 4

ABRAHAMSON, E.M., AND PEZET, A.W. “ Body, Mmd and Sugar “, New York; Avon Books, 1977.

ADAMS RuTH, “The complete Home Guide to All the Vitamins “, New York; Larchmont, 1972.

AGUILARN NONA, “ Totallv Natural Beauty “, New York; Rawson Associates Publisher, 1977.

BURTON. BENJAMIN, “Human Nutrition 3~ ed., New York; McGraw-Hill, 1976.

FREDERICKKS, CARLTON, “Psvcho Nutrients “, New York; Grosset and Dunlap, 1973

GOODHART, RBERT S., and SHILLs, MAURJCE E., “Modem Nutrition in Health and Disiase “ 5 ed., Philadelphia; Lea and Febiger, 1973..

GRAEDON, JOE, “ The Feople’s Pharmacy ~‘, New York; St. Martirfs Press, 1976.

LUCAS, RJCI-LARD, “Natur&s Medic~nes “, New York; Pretice — Hall, 1965.

ELI G. JONES, “ Cancro sue cause, sintomi e trattamento “,De Ferrari Editore S.r.l., Genova, 1991.

F. P. IACCARThJO, da “ Terapia Medica con Melatonia “, Ed. Euromeeting; Torino, 1998.

I. D. BARGIS, “Dire, Fare, Guarire” , EIlin Selae, Murazzano, 1999.

M. PANDL~.N1, “ Mutrizione Applicata “, Tecniche Nuove, Milano, 1989.

V. BELCASTRO, “ Come ho vinto il Cancro con terapie naturali”, Hermes; Roma, 1993.

M. BIZZARRI, “ La Mente ed il Cancro “, Frontiere; Milano, 1999.

Rossi E. L., “ The psychobiology of mmd — boy healing “, W. W. Morthon Company Inc.; New York, 1986.

BURNET F. M., “ The Concept of Immunological surveillance”, in:Progress in exeperimental tumor Research, Schwartz
R.S. ( Ed. ), Basel, S. Karger, 1970, p. 1.

DANIELE D. “Chi ~ felice non s’ammala “, Mondadori; Milano, 1993. P. 79.

ROSEMBERG S. A., “ La Cellula Trasformata”, Mondadori; Milano, 1994.

BIZZARRI M. e LAGANÀ A. “Il tramonto del Tumore “. Errebian Ed.; Roma, 1991.

ECCLES C J., “ Come l’lo controlla il suo cervello “, Rizzoli; Milano, 1994.

BOYD W., “ The Spontaneous Regression of Cancer “, Philadephia Penn., Sauders J., and Co, 1968.

HIRSHBERG C., BARASCH M. I., “ Guarigioni Straordinarie ‘~, Mondadori; Milano, 1995.

LOCKE 5., and COLLIGAN D.” Il Guaritore Interno “, Giunti; Firenze, 1990

Capire le Energie

Spesso si sente parlare di Energia. Spesso neppure capiamo cosa si intenda per energia. Siamo abituati a comprendere solo ciò che già conosciamo. Quindi, energia uguale Elettricità, uguale Carburanti, ecc.

Se ci conoscessimo, vedremmo il nostro corpo come un immensa generazione energetica:

Come Capire le Energie?

TUTTO HA INIZIO DA UNA SINGOLA CELLULA!

E da quella singola CELLULA, originano miliardi di cellule in grado di lavorare come un’unica entità, il corpo UMANO.

Ancora più rilevante è che in quella cellula ci sono tutte le informazioni necessarie perché, durante le prime fasi dello sviluppo, si formino circa 200 tipi diversi di cellule :

  • cellule nervose
  • cellule muscolari
  • cellule di rivestimento
  • cellule che producono sostanze (quelle delle ghiandole) e
  • cellule che le assorbono (quelle dell’intestino).

NUMERO DI CELLULE

(Stimate in un uomo di 70kg di peso corporeo)

100.000 MILIARDI

Numero di CELLULE del cervello (neuroni):
100 miliardi

Numero di ATOMI presenti nel corpo umano : In media si può presumere che una persona di circa 70 chilogrammi sia composta di circa…
15 miliardi di miliardi di miliardi di Atomi.

ACQUA CONTENUTA NEL CORPO UMANO ADULTO
CIRCA IL 75%

Ogni CELLULA sana ha una CARICA ELETTRICA di circa -75 m. volt (millivolt)
In parole povere un uomo di 70 kg ha la potenzialità di ben
Vedi link video

30 bombe atomiche all’Idrogeno.

Per comprenderci meglio potremmo provare a documentarsi su chi siamo in realtà.

Macchine perfette in grado di generare energia e di sentirla.

Fa parte di un mio corso sulla capacità umana di sentire le energie.

seguite il link sottostante:

CORSO DI RABDOMANZIA – 1 LIVELLO ULTIMO 2015

Bere acqua alcalinizzata serve si o no?

Si fa un ?gran parlare di bere acqua alcalina perchè fa bene al nostro organismo…

Allora vi dico il mio pensiero.

No.?Non è esattamente cosi’.

Ogni volta che io ingerisco o cibi o alimenti liquidi e solidi incontro il ph del mio stomaco.

Il mio (tuo suo… di tutte le persone) è a circa ph 1/2

Quindi altamente acido poichè deve sminuzzare, tagliare le catene chimiche che compongono i cibi ingeriti.

E poi tutto questo deve andare nell’intestino a ph 2/3…

NON E’ POSSIBILE MODIFICARE ( se non per alcuni istanti) l’equilibrio delle cellule.

Il SANGUE CESSEREBBE DI SVOLGERE IL SUO LAVORO E NOI MORIREMMO.

Quindi, non è il cibo ALCALINO che fa bene, ma casomai la SUA ENERGIA…

UN FRUTTO MATURO mangiato crudo ha una energia elevata nell’ordine dei 7.000 / 8.000 e più Bovis.

link: energia degli alimenti. iniziare a capire cosa si mangia è fondamentale.

Considerate che un corpo umano in salute si attesta attorno ai 6.500 Bovis.

Bovis Biofrequenze

Quindi è l’energia che ingerita fornisce energia alle cellule e quindi consente il loro perfetto funzionamento.

Ma allora perchè bere 2, 3 litri di acqua del Biofrequency Revolution?

Semplice, non solo per il suo PH, certamente no, ma per l’informazione “normata” donata all’acqua.
Il Biofrequency Revolution riceve le informazioni del “campo” e le rimette a NORMA?? anche attraverso l’acqua.
Cio’ consente all’acqua, una volta dentro il nostro organismo, di svolgere varie funzioni:
la prima di energizzare le cellule aiutandole nella loro funzione ottimale.
la seconda di trasmettere informazioni riequilibranti (Equilibrio=Perfezione)
la terza essendo acqua altamente MICROSTRUTTURATA e MICRONIZZATA consente un lavaggio cellulare (CHELAZIONE FISICA) e quindi trasportare, aiutare l’eliminazione delle scorie inglobate nelle cellule.
Questo è un fondamento chimico e fisico.

Di tutto il resto possiamo parlarne per ore… e poi accorgerci che basterebbe parlare con un CHIMICO per sapere la verit?.

Buona Vita.